0
62
Perché il “DIGITALE i DATI & L’Upskilling, rappresentano 3 Leve per nuovi “PILOTI”?

Upskilling , incremento della qualificazione

Alcune considerazioni di walter gabetta, Head of global business relationships di BiFACTORY.

Una delle domande a cui più o meno tutti  e rimarco proprio tutti,  ci poniamo in più modi , con più frequenza e in più  declinazioni è:

Il nuovo mondo “DIGITALE in larga parte spinto e guidato dai DATI”  è un mondo che ha solo bisogno di nuove competenze ?

Io, voglio intenderle “competenze mutanti”. Dove la mutazione è continua e agganciata agli scenari.

La velocità, la portata e l’impatto del cambiamento tecnologico porta nuove sfide, molte ancora sconosciute alle imprese, alle professioni e all’intera collettività.

Attraversando  in largo ed in lungo il mondo delle imprese e professioni, con il quale mi confronto giornalmente nello svolgere la mia attività consulenziale e progettuale, registro e percepisco che seppur la maggioranza dei miei stakeholder  è concorde e anche entusiasta  sul fatto che l’era digitale porterà benefici, hanno altrettanti timori sul livello di preparazione sia in termini di consapevolezza che di competenze hard e soft “ skills”  che noi tutti abbiamo sui temi dei nuovi paradigmi.

Lasciando perdere le ragioni dei benefici, le ragioni della preoccupazione sono veramente concrete ?

Direi proprio di sì, con ragionevole attendibilità visto i trend, un lavoro su tre potrebbe essere  interrotto o scomparire del tutto nel prossimi 5-10-20 anni a causa dei cambiamenti tecnologici e dei nuovi scenari di equilibrio tra il lavoro, il modo di relazionarsi  e la vita quotidiana. Imprese , professioni, società tutto sarà portato a mutare in un vortice di iper-connessioni e nuove forme di relazione.

Il maggior impatto di questa “mutazione” interesserà i lavori considerati poco qualificati, quelli ripetitivi e quelli supportati da ”regolamentazioni e normative”, cerco di trasferire il concetto che quelle “competenze” che erano figlie dei passati paradigmi ” della certezza” saranno fagocitati dai nuovi paradigmi  della liquidità,  intesa come fenomeno della nuova “normalità”.

Le “persone” dovranno anche PENSARE IN MODO NUOVO, OSSERVARE E ASCOLTARE IN MODO NUOVO.  O meglio, comprendere ed interpretare la tecnologia in genere ed il rapporto con i DATI, per poter fare scelte migliori, cogliere nuovi SEGNALI e opportunità, ma soprattutto essere in grado di navigare il cambiamento.

Per far fronte a queste crescenti sfide, una delle leve è sicuramente  l’upskilling: tutte quelle attività esperienziali, formative e di consapevolezza e tese a far crescere le competenze delle singole persone nei loro ruoli, ma soprattutto traghettarli verso i nuovi ruoli e approcci “contaminanti”.

L’Upskilling può e deve significare anche  offrire alle persone l’opportunità di “padroneggiare” e comprendere tecnologie avanzate, nuovi approcci di pensiero   … su tutte, di capire e gestire l’intelligenza artificiale, l’analisi dei dati,  che sono già e lo saranno sempre più le nuove scintille del mutamento.

Ma l’upskilling non è semplicemente una questione di insegnamento alle persone, ma deve portarle  a pensare, a contaminarsi a vicenda e soprattutto agire e crescere nel mondo digitale in modo sostenibile nel tempo.

Siamo attrezzati ? Agiamo in tal Senso ? I precorsi  sono pronti ? Noi siamo pronti ?

In particolare il mondo delle professioni, in special modo quelle sostenute nel tempo da quello che prima chiamavo “ da regolamentazioni e normative”,  dovranno rapidamente affacciarsi ed entrare nel contesto di pensiero dell’ Upskilling e delle sue derivanti. Il loro mercato di riferimento primario, delle imprese in genere ed in special modo delle PMI richiederanno sempre più un supporto consulenziale e sempre meno una mera e cruda attività “amministrativa”.

Il peso si sposterà sull’interpretare i DATI dell’impresa in logica di Business e di mercato…. ma non solo… molto molto di più.

Qualche proposta per approfondire  -> vai al nostro Blog